Tanti amici e simpatizzanti per l’apertura della sede a San Salvo

E’ stata inaugurata sabato mattina la sede elettorale di Manuele Marcovecchio a San Salvo, alla Via Roma 54.

Ad attenderlo tante persone, tra amici e simpatizzanti, per cui la sala non è stata sufficiente ad accoglierle tutte e diverse di loro hanno seguito gli interventi dall’esterno.

Primo fra gli altri quello di Vitale Torino, coordinatore locale della Lega, che si è detto “felice di avere la sede di Manuele a San Salvo. Oggi siamo fieri di averlo nella lista dei candidati della provincia di Chieti, una lista molto forte che darà lustro a questa provincia”.

E’ stata poi la volta dell’Avv. Clementina De Virgiliis, amica e collega del Sindaco di Cupello, che ha saputo toccare le corde giuste, illustrando non senza emozione i motivi per i quali lo sostiene in questa campagna elettorale:
“Io credo che Manuele sia una persona vera, sincera ed autentica. Mi auguro che voteremo compatti per lui, al fine di avere una voce rappresentativa di questo comprensorio. Non abbiamo bisogno di politici estranei al nostro territorio che ci vengano a rappresentare, abbiamo bisogno di uno di noi”.

L’ultimo a prendere la parola è stato appunto il Sindaco di Cupello.

Ritengo che questa Città abbia tutto il diritto di avere l’attenzione che merita, visto che insieme a Vasto si pone come capofila di questo territorio. San Salvo è la sintesi di due ambiti di sviluppo economico importanti, quali il turismo e l’industria, che ha saputo coniugare e far crescere negli ultimi anni, grazie anche al lavoro di un ottimo sindaco che, insieme alla sua squadra, è stato scelto e confermato dai cittadini”.
Nel corso del suo intervento Manuele ha spiegato anche il motivo per cui, nei mesi scorsi, ha deciso di aderire alla Lega, sottolineando i temi più cari a lui e al partito di Salvini

Le radici cristiane dell’Europa, il controllo e la gestione dei migranti, l’ordine pubblico e la sicurezza, la pace fiscale sono le principali questioni poste dalla Lega al centro del dibattito e finalmente affrontate con la giusta decisione.”

Successivamente si è scivolati sui problemi di cui soffre il nostro territorio, primo fra tutti quello relativo alla sanità, con al centro il presidio ospedaliero vastese, ridimensionato in alcuni reparti, e i ripetuti tagli alle guardie mediche e ai distretti sanitari.

Quindi Manuele Marcovecchio ha rivendicato il diritto di questo territorio ad essere governato dalla propria classe dirigente,mortificata dai vari commissariamenti negli Enti strumentali (Consorzio di Bonifica e Civeta) e dalla soppressione del Consorzio Industriale del Vastese, all’epoca tra i più efficienti in Abruzzo.

L’obiettivo è quello di mettersi a lavoro, dall’11 febbraio, per recuperare la giusta rappresentanza alle nostre genti, al fine di assicurare al territorio le opere e i servizi che gli sono dovuti.

L’intervento ovviamente si è chiuso con gli auguri per un sereno Natale a tutti i presenti e loro famiglie.